Regione del Veneto

Tarlo asiatico


tarlo asiaticoIl tarlo asiatico del fusto (Anoplophora glabripennis) è un insetto esotico le cui larve scavano in profondità nel fusto e nei rami di diverse specie di latifoglie (tra le quali acero, pioppo, salice, olmo, betulla, ecc.) portandole a morte.
E' un insetto da quarantena per l’Unione Europea (all. I parte A della Direttiva 2000/29/CE).

Nel mese di giugno 2009 un’infestazione di tarlo asiatico del fusto (Anoplophora glabripennis) è stata scoperta su diversi alberi ornamentali nel territorio comunale di Cornuda (TV).
In conseguenza di ciò è stata emanata l'Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 137 del 22 luglio 2009 “Misure obbligatorie per il controllo ed eradicazione del tarlo asiatico del fusto Anoplophora glabripennis nel territorio della Regione del Veneto”.
Il Servizio Fitosanitario Regionale ha attivato fin da subito un minuzioso monitoraggio nell’area del primo ritrovamento definendo una zona delimitata che comprende parte del territorio della provincia di Treviso (vedi mappa allegata). Per visionare gli aggiornamenti sulla normativa e sulla definizione della zona delimitata si invita alla consultazione della pagina web del sito della Regione del Veneto al seguente link, nella sezione Anoplophora glabripennis - (Tarlo asiatico): https://www.regione.veneto.it/web/fitosanitario/lotte-obbligatorie.

L'Ordinanza n. 137/2009 ha previsto le seguenti misure fitosanitarie:
- Segnala tempestivamente al Servizio Fitosanitario Regionale la presenza di insetti adulti o di piante con sintomi di attacco; il Servizio Fitosanitario provvederà alla verifica del caso segnalato.
- Non mettere a dimora nella zona delimitata le piante sensibili appartenenti alle seguenti specie: Acero (Acer spp.), Betulla (Betula spp), Ippocastano (Aesculus spp.), Pioppo (Populus spp.), Salice (Salix spp.), Katsura (Cercidiphyllum japonicum), Olmo (Ulmus spp.).
- Non trasportare legname e ramaglia di potature al di fuori della zona delimitata se non finemente sminuzzato (dimensioni non superiori ai 2,5 - 3 cm di lunghezza e 1 cm di spessore).
- Non movimentare legna da ardere al di fuori della zona delimitata.

(Febbraio 2010 - ultimo aggiornamento mercoledì 22 Dicembre 2021)
 
torna all'inizio del contenuto