Regione del Veneto

Info della struttura

Acquisita dall’Amministrazione Comunale nel 1977, Villa Brandolini era da secoli la residenza degli omonimi conti ed il centro politico ed economico della Contea.
Fu costruita nella prima metà del Settecento, con un linguaggio architettonico improntato ad un sobrio classicismo illuminista, in cui appaiono però anche talune dotte citazioni rinascimentali e barocche; comprendeva il corpo centrale, le scuderie, le serre, la rimessa per le carrozze, l’alloggio per i custodi ed una chiesetta. All’interno, gli elementi più rilevanti sono i preziosi pavimenti veneziani e le decorazioni pittoriche di alcuni soffitti.
E’ adagiata alle propaggini della collina di Solighetto ed è circondata da un parco, ricco di piante secolari, ove un’impostazione francesizzante sul fronte anteriore, è completata da ampi spazi di giardino romantico.
L’Amministrazione comunale di Pieve di Soligo ha individuato in questo storico edificio degli spazi di pregio per mostre d’arte ed esposizioni in genere e una sala conferenze per incontri di carattere culturale e per la celebrazione di matrimoni civili o per la costituzione di unioni civili.


CONTATTI
Villa Brandolini: 
Ufficio Unico Cultura

 

torna all'inizio del contenuto