Comune di Pieve di Soligo

Eventi Centenario Grande Guerra

Pubblicata il 12/10/2018

Nell'ambito delle iniziative promosse in occasione della ricorrenza del Centenario della Grande Guerra ricordiamo:

Collettiva d’arte Pittura di Guerra
dal 7 ottobre all’11 novembre 2018
inaugurazione sabato 6 ottobre ore 18.00
a cura di Dino Marangon
Villa Brandolini - Piazza Libertà, 7 - Pieve di Soligo (TV)
dal lunedì al venerdì visite guidate su prenotazione per gruppi
sabato 16.00-19.00; domenica e festivi 10.00-12.00 e 16.00-19.00
Ingresso libero
 
L’esposizione raccoglie i dipinti inediti di 68 tra i maggiori esponenti triveneti della pittura, astratta e non, chiamati a rimeditare, per il tramite delle loro opere, non solo sulla ricorrenza del centenario della Grande Guerra ma, in un più vasto orizzonte, anche a riflettere sulla guerra in generale e sulla battaglia che, in questi ultimi anni, la pittura sembra costretta a sostenere per la propria stessa sopravvivenza. La mostra è corredata da un ampio catalogo con saggi e contributi critici del curatore Dino Marangon e di altri importanti studiosi: Michele Beraldo, Gianluca Macovez e Gabriele Salvaterra.
 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  
 
Sgrafalopa in concerto
Vi cantiamo noi la guerra - Come i soldati avrebbero cantato la Grande Guerra
A.N.A. Gruppo Pieve di Soligo
21 ottobre ore 17.00 Auditorium "Battistella-Moccia" - Piazza V. Emanuele II, 10 - Pieve di Soligo (TV)

I fatti più salienti della Grande Guerra verranno raccontati tramite delle canzoni inedite i cui testi sono ispirati a diari, lettere e poesie, tra cui: la partenza, il Natale di guerra, il Carso, gli assalti, le portatrici carniche, gli arditi, il profugato, canti scritti dai nemici, il ricordo dei caduti e le speranze di pace. Ogni canto è corredato da una proiezione video ricavata da documentari, foto e filmati originali della Grande Guerra frutto di una lunga ricerca attraverso gli archivi  cinematografici dei paesi che vi hanno partecipato.
 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  
  
Spettacolo teatro di figura e narrazione Il ritorno di Irene
28 ottobre 2018 ore 16.00
scritto e diretto da Gigio Brunello e Gyula Molnar con Alberto De Bastiani
Villa Brandolini - Piazza Libertà, 7 - Pieve di Soligo (TV)
dai 6 anni
Ingresso libero
 
Lo spettacolo racconta la guerra dando voce non agli uomini ma alle case. Protagoniste sono le case abbandonate dagli sfollati in zone di guerra, le case rimaste vuote, come vuote sono le stalle e i nidi sugli alberi. E così stalle, case e nidi si mettono in cammino attraverso la notte per fuggire alla guerra e ritrovare i loro abitanti. La farmacia, l’osteria, la casa della piccola Irene, il cinema muto, la cuccia di Bobi, la stalla di Nerina scenderanno ai binari in attesa di un treno che riporti chi non c’è e saliranno sopra il monte a rifar paese e a raccontarsi storie nell’attesa.
 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  

Lettura scenica Note di Guerra: Comisso e Malipiero in dialogo
11 novembre 2018 ore 17.30
selezione brani e conduzione a cura di Isabella Panfido
attore Luca Zanetti
pianista Maestro Paolo Troncon
Villa Brandolini - Piazza Libertà, 7 - Pieve di Soligo (TV)
Ingresso libero
 
La lettura scenica comprende brani selezionati da Giorni di guerra di Giovanni Comisso, intrecciata a brevi composizioni di Gianfrancesco Malipiero, composte ad Asolo e a Venezia durante la Prima Guerra Mondiale con proiezione a loop di una cinquantina di fotografie, tratte dall'archivio storico del FAST di Treviso, di ambito bellico ma anche di vita quotidiana durante gli anni di guerra. Le immagini sono intonate alle atmosfere evocate dalla scrittura di Comisso.

 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  
 
Rassegna I lunedì della Grande guerra

Villa Brandolini - Piazza Libertà, 7 - Pieve di Soligo (TV)
Ingresso libero
 
29 ottobre ore 20.45
Pittori per l'Impero. La cartolina al servizio della Grande Guerra.
incontro a cura di Guido Spada

5 novembre ore 20.45
L'impero austroungarico. Sul fronte del Piave, l'ultima offensiva.
incontro a cura di Guido Spada

12 novembre ore 20.45
serata concertistica Ricordando la Grande Guerra - tra Suoni e Parole per non dimenticare
M° Luca Paccagnella - violoncello
 
In collaborazione con il Museo del Piave “V. Colognese” Caorera di Quero Vas
 
La Grande Guerra viene raccontata attraverso una finestra non consueta ma privilegiata: quella dell’arte. Da una parte pittorica, attraverso l’utilizzo di cartoline d’epoca che, cariche di un profondo contenuto artistico ed umano, riproducono fedelmente i dipinti realizzati ai tempi dell’immane tragedia. Dall’altra musicale con la partecipazione straordinaria del M° Luca Paccagnella che, ancora una volta, ci saprà sorprendere con le sue eccelse note attraverso alcune musiche composte nel periodo bellico.

 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  
  
Proiezione documentario Centenario Grande Guerra
9 novembre 2018 ore 20.45
Auditorium “Battistella-Moccia” - Pieve di Soligo (TV)
Ingresso libero
 
Un viaggio nel tempo: Qdpnews.it a cent’anni di distanza riavvolge il nastro della storia all’epoca della Grande Guerra. Immagini esclusive, reperti d’archivio e video capaci di raccontare in maniera suggestiva, nei luoghi dove tutto è accaduto, i tragici avvenimenti che un secolo fa misero in ginocchio l’Alta Marca Trevigiana e sconvolsero per sempre la memoria della sua gente. Ad introdurre la serata personalità e autorità del territorio.
Presenta Giancarlo De Luca

 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _  _ _ _ _ _ _  
      
Concerto in Duomo per il Centenario della Vittoria - Sinfonia n° 9 di L. v. Beethoven
2 novembre 2018 ore 20.30
Orchestra “I filarmonici di Trento” diretta dal M° Gabriele Di Toma accompagnata dai cori: “I Polifonici Vicentini” diretto da Pierluigi Comparin e “Città di Piazzola sul Brenta” diretto da Paolo Piana
Solisti Luciana Pansa, soprano; Aurhelia Varak, mezzosoprano; Max Jota, tenore; Maurizio Franceschetti, basso
Duomo Santa Maria Assunta di Pieve di Soligo - (TV)
Ingresso libero
 
Viene proposta la Nona sinfonia di Beethoven, uno tra i più rappresentativi e celebrativi capolavori musicali del grande repertorio classico, per il valore altamente simbolico che assume il finale, il celeberrimo Inno alla Gioia. Si intende con questa scelta “fare memoria” dell’esultanza, del tripudio per la Vittoria in quell’epica fine di ottobre 1918. Ma, alla luce della sensibilità odierna, si vuole anche esprimere con forza l’ideale che Beethoven stesso aveva espresso nella sua opera in cui aveva auspicato l’avvento del “regno” della fraternità umana, la Vittoria dell’uomo su ciò che fisicamente e moralmente l'opprime, la sua Vittoria sulla tirannide politica e su quella delle passioni che lo spingono all’odio fratricida.
 
  
 
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato locandina agg_web.pdf 320.96 KB

Facebook Google+ Twitter